Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/martesanabypcf/public_html/wp-content/plugins/the-events-calendar/src/Tribe/Main.php on line 2419
Palio di Vigevano XXXV edizione - Martesana by Night
Home / Tempo libero / Palio di Vigevano XXXV edizione
Palio delle contrade di Vigevano

Palio di Vigevano XXXV edizione

Vigevano si prepara alla XXXV Edizione del Palio delle Contrade, nel week end del 10 ottobre, nello splendido scenario della Piazza Ducale e del maestoso Castello Sforzesco di Vigevano, come ogni anno, in Maggio ed in Ottobre, più di 400 figuranti, in rigorosi costumi del XV secolo, si ritrovano per sfidarsi alla conquista del Cencio, ogni volta dipinto su stendardo, con orgoglio, da un artista vigevanese.

Il Palio, nato nel 1981 per far gareggiare le dodici contrade cittadine assume, anno dopo anno, una connotazione storica marcata, tanto da essere riconosciuto come una delle rievocazioni storiche più importanti della Lombardia. L’evento è previsto da venerdí 9 a domenica 11 ottobre e comprende un programma ricco e articolato che si apre con la fiaccolata delle dodici contrade da piazza Ducale verso la chiesa di S. Pietro Martire per deporre un grande cero ai piedi dell’urna che custodisce le spoglie del Beato Matteo.

Nel 1989 fu istituito il Pre-Palio, caratterizzato da una sfilata per le vie del centro storico la domenica precedente quella del Palio vero e proprio, e dalla lettura del Bando di Sfida da parte della Contrada detentrice del Palio e la risposta di un’altra Contrada in nome di tutti i contendenti.
Nacque a questo punto la necessità di inquadrare con maggiore precisione la collocazione storica suscitando il fervore di ricerche e approfondimenti. Venne così scelto come anno preciso di ambientazione il 1460, anno che vide l’avvento nella città della Corte Sforzesca. La famiglia ducale venne così rappresentata nel corteo storico del Palio dalle figure di Francesco I Sforza, Duca di Milano, sua moglie Bianca Maria Visconti Sforza e tre dei loro figli: Galeazzo Maria, Ippolita e Ludovico Maria, detto il Moro. Nel 1993 nacque poi l’appuntamento di maggio, caratterizzato dalla suggestiva cerimonia del giuramento del Castellano, con lo scopo di estendere l’interesse del Palio anche al di là del periodo che comprendeva le due domeniche di ottobre. Scopo principale dell’iniziativa era, però, quello di svelare i retroscena, la fatica e la ricerca storico-documentaria che si celano dietro il Palio. L’iniziativa ottenne un grande successo permettendo la riapertura del Castello anche in primavera.

Palio delle contrade di Vigevano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È prevista per sabato 10 ottobre, una cena rinascimentale in taverna con prenotazione obbligatoria.

Le tre contrade favorite

LA CONTRADA DI CICERINO
Abbinata alle corporazioni dei mugnai e dei panettieri, reca sullo stemma una pianta di ceci colore terra verde in campo oro. La Contrada di Cicerino si snodava lungo la via che conduceva a Viginticolimnae, la porta omonima che veniva identificata sull’estimo con una pianta di ceci, dalla quale deriverebbe il nome. Tale porta immetteva in una campagna ricca di rogge, canali e mulini.
Il privilegio ducale dell’uso di tali acque fu concesso da Francesco I Sforza a Cristoforo Ambrogio de’ Silva, ricco proprietario terriero, procuratore e membro del governo del Comune. Egli potè costruire ponti e mulini, così fiorirono i forni per il pane. La Contrada è associata alla Parrocchia dell’Addolorata.

LA CONTRADA DI CASTELLO
Abbinata alle corporazioni dei notai e scrivani, reca raffigurato sullo stemma il maschio del Castello, con pontile ed aquila in ocra su fondo azzurro. La Contrada ricalca i confini che un tempo definivano la Contrada di Sant’Andrea, dal nome dell’omonima chiesa posta a fianco della Chiesa di Sant’Ambrogio. Il suo nome è legato alla dimora ducale, il castello appunto. Tra i suoi abitanti illustri si ricordano: Pier Candido Decembrio, umanista e letterato, già segretario del Duca Filippo Maria Visconti e di Papa Nicolò V, Precettore ducale dei figli di Francesco Sforza, tra i quali Ludovico il Moro; il castellano Notaro Giacomo da Policastro, comandante del Presidio Ducale in castello; nobili di corte, dame di compagnia, ecc. La Contrada è associata alla Parrocchia di Sant’Ambrogio (Duomo).

LA CONTRADA DI BRONZONE
La Contrada è abbinata alla corporazione degli Arazzieri, reca sullo stemma un camino con appesa una pentola di bronzo e con schiumatoio d’argento in campo rosso. La Contrada è associata alla Parrocchia di San Giuseppe al Cascame. Gli addetti si applicavano principalmente nell’arte degli arazzieri, tintori e pettinatori della seta. L’antica Contrada si snodava dalla Chiesa di Sant’Ambrogio alla torre quadrata della Porta Ducale sul Naviglio Sforzesco. Lungo la via del Bronzone si aprivano le botteghe dei notai, degli scrivani, dei procuratori. Il Notaio e procuratore più famoso era Geronimo de’ Bussi, membro del Consiglio dei Dodici saggi del Comune.

Programma della manifestazione

Venerdì 9 ottobre 2015

Ore 20,45 dal sagrato del Duomo: partenza della Fiaccolata con il Cero delle 12 Contrade del Palio.
Ore 21,00 Chiesa di S.Pietro Martire Celebrazione Eucaristica e dono del Cero al Beato Matteo.

Sabato 10 ottobre 2015

Dalle ore 17,00 nella Strada sotterranea e nella Cavallerizza: Borgo degli Antichi Mestieri: arti e mestieri del Rinascimento.
Dalle ore 20,30 nella Cavallerizza Cena alla Taverna del Grifone: A tavola con gli abitanti dell’antico borgo, danze, fuoco e scaramucce. In collaborazione con Istituto Alberghiero Ciro Pollini di Mortara
Dalle ore 17,00 e per tutta la serata nelle vie del centro storico: Sollazzi e divertimenti itineranti a cura dei gruppi storici del Palio.
Dalle ore 21,30 in Piazza Ducale: Notte Sforzesca, con esibizione dei gruppi storici del Palio.

Domenica 11 ottobre 2015

Ore 10,45 Chiesa di S.Pietro Martire Solenne Pontificale
Dalle ore 14,30 nella Strada sotterranea del Castello e nella Cavallerizza: Visita al Borgo degli Antichi Mestieri
Ore 15,00 Castello Sforzesco: Lettura del bando di sfida e apertura dei giochi del XXXV Palio delle Contrade.
Dalle ore 15,30 Corteo storico delle 12 Contrade per le vie del centro, contemporaneamente in Castello disputa del gioco dell’Albero del melo cotogno.
Dalle ore 16,30 nel Castello Sforzesco disputa della Corsa con le carriole, della Corsa con il cerchio e della Costruzione della torre. Esibizione dei gruppi storici del Palio.

Lunedì 12 ottobre 2015

Ore 18,30 Chiesa di S.Pietro Martire S.Messa di ringraziamento al Beato Matteo Carreri

Per informazioni e aggiornamenti: www.paliodivigevano.it 

Commenti

commenti

Vedi Anche

Chibimart Estate tra Bijoux e Accessori Moda

Ritorna dal 18 al 21 maggio in Fieramilanocity Chibimart, la manifestazione che propone   accessori moda originali e creativi, bigiotteria ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *