Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/martesanabypcf/public_html/wp-content/plugins/the-events-calendar/src/Tribe/Main.php on line 2419
Il Castello Visconteo di Trezzo sull'Adda - Martesana by Night
Home / Martesana News / Storia & curiosità / Il Castello Visconteo di Trezzo sull’Adda
CASTELLO VISCONTEO Trezzo sull'Adda
CASTELLO VISCONTEO Trezzo sull'Adda

Il Castello Visconteo di Trezzo sull’Adda

Il castello di Trezzo sull’Adda, è uno dei più importanti del milanese, e sicuramente il simbolo della città.  Ci troviamo in un luogo dove storia e natura si fondono, un territorio che racchiude in poche centinaia di metri ben più di quanto si possa immaginare.  Il castello è stato conteso fra Federico Barbarossa e la città di Milano e in seguito fra i Visconti. Fu distrutto e ricostruito varie volte nel corso dei secoli, prima durante le guerre fra Milano e Federico Barbarossa, poi durante quelle fra i Visconti e i Torriani per il predominio su Milano. I resti attuali del castello sono quelli della costruzione del 1370 di Bernabò Visconti. Bernabò pensò di dover meglio assicurare il suo dominio su questo territorio e per questo decise di far rifortificare il castello di Trezzo facendo realizzare anche un magnifico ponte in muratura sull’Adda ad arcata unica. Il ponte era di 72 metri, alto 25 metri sul pelo dell’acqua, fortificato e costruito su tre livelli per consentire il passaggio separato di carri e pedoni. Grazie e questo ponte l’importanza strategica di Trezzo fu di nuovo fondamentale. Il ponte fu costruito in sette anni e tre mesi e terminato nel 1377.

Castelli Visconteo di Trezzo sull'Adda
Castelli Visconteo di Trezzo sull’Adda

Il castello per Bernabò ha rappresentato la sua residenza dove organizzava delle feste che spesso finivano con la morte delle sue amanti gettate in un pozzo, oppure battute di caccia con i suoi cinquemila cani. Bernabò amava molto i cani e ne possedeva tantissimi, ma non potendosi occupare di tutti, obbligò i propri sudditi a provvedere loro, mantenendoli in buona salute. Periodicamente dovevano poi recarsi a palazzo per farne verificare le condizioni e se qualcuno dei cani era trovato in cattivo stato, ai malcapitati venivano inflitte pene severissime. Bernabò Visconti fu uno dei Signori di Milano più terribili e sanguinari. Figlio di Stefano Visconti e Valentina Doria, nacque a Milano nel 1323 e trovo la morte il 19 dicembre 1385 nei sotterranei del castello con una zuppa avvelenata. Il castello di Trezzo annovera un leggende di fantasmi: si vocifera  che in determinate occasioni si veda lo spettro della “Dama bianca”, la figlia di Bernabò Visconti, che lui stesso fece uccidere a causa di un amore proibito con uno stalliere. Anche attorno alla figura di Bernabò stesso e del suo entourage di concubine circolano storie circa apparizioni e voci misteriose. Si racconta che il 19 dicembre di ogni anno vi sia l’apparizione del suo fantasma producendo tremende urla. Oggi dell’imponente castello rimane la torre a pianta quadrata, alta 42 metri, il pozzo fatto costruire nel 1400 dal casteflano Vercellino e i suggestivi sotterranei. Del coevo ponte sull’Adda, utilizzato per trent’anni prima di essere distrutto nel 1416 dal Carmagnola, sono ancora visibili la spalla e l’attacco.

Commenti

commenti

Vedi Anche

regno animale

15 cose che (forse) non sapevi sul regno animale e vegetale

Le papille gustative di una farfalla sono localizzate nelle zampe, per questo motivo le farfalle ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *