Home / Gastronomia / La 45^ edizione della Sagra della Rana a Sartirana Lomellina (PV)
sagra della rana

La 45^ edizione della Sagra della Rana a Sartirana Lomellina (PV)

Si terrà da Venerdì 1 a Domenica 3 Settembre 2017, dalle ore 19:00, al Giardinetto Estivo Mike Bongiorno – Casa Allegria di Via Roma a Sartirana Lomellina (PV), la tanto attesa Sagra della Rana, giunta alla 45 esima edizione.

La storia della Sagra della rana di Sartirana Lomellina inizia nel 1972, quando i soci dell’Unione Sportiva Sartiranese, per finanziare il proprio campionato di calcio di terza categoria, in assenza di sponsor disponibili a contribuire, in pieno spirito lomellino decidevano di organizzare un pranzo domenicale all’aperto a base di rane dorate per la raccolta di fondi.

Da allora la Sagra si è consolidata divenendo una vero ed immancabile appuntamento che richiama in Sartirana numerosissimi estimatori del batrace fritto, in cui è possibile gustare le rane cucinate secondo le tipiche ricette lomelline.
Le rane sono un secondo piatto poco conosciuto, ma molto usato nel nord Italia e in Francia. Hanno un gusto molto delicato, simile alla carne di pollo o al pesce, sono molto digeribili e sono versatili in cucina. Questo alimento ha le sue radici nella umile ed antica tradizione, dato che le rane, grazie al contributo proteico della loro carne e alla facilità con cui si possono pescare, venivano usate durante la guerra per preparare numerosi piatti. Da piatto povero, oggi la rana è divenuta un piatto da gourmet: si trova solo nei migliori ristoranti, e per giunta a caro prezzo! La parte commestibile di tutta la rana è la coscia, e le ricette per cucinare questo alimento sopraffino sono molte.

La partecipazione alla Sagra della rana:

  • i clienti scelgono i piatti dal menu esposto al pubblico
  • acquistano i tagliandi alle casse elettroniche
  • si accomodano, senza prenotazione, ai tavoli disposti all’aperto (in un contesto di verde e piante tipico della zona e al centro del paese, con copertura idonea a proteggere dal sole)
  • i piatti saranno serviti ai tavoli dai camerieri consegnando loro i tagliandi acquistati (con l’esclusione delle bevande, del dessert e del caffè da ritirare direttamente da parte dei clienti presso il bar).

Durante la Sagra della rana il ristorante all’aperto può ospitare fino a 1.000 posti a sedere, volontà e collaborazione sono alla base del successo della Sagra, che vede oggi impegnati come volontari più di 100 sartiranesi, che si organizzano, ormai secondo tradizione, in diversi gruppi, che si autogesticono:

– le cuoche delle rane dorate, che gestiscono più di 20 padelle per la friggitura
– i cuochi e le cuoche del risotto, a base della migliore qualità di riso, il Carnaroli, con soffritto di fegatini di rana
– i cuochi della polenta , fatta in paioli di rame della capienza di 50 kg ciascuno, da servire poi con rane in umido o con frittura
– gli addetti alle griglie per le salamelle, gli spiedini e le braciole
– gli addetti allo scodellamento ed alle razioni (tra cui il Zanabò)
– i camerieri, due per tavolata
– gli addetti alle casse elettroniche, all’angolo dessert ed al bar
– i responsabili della logistica, che rendono  prontamente disponibili le rane e gli altri prodotti alimentari ai vari gruppi della cucina.

Commenti

commenti

Vedi Anche

food art italy pisa 2018

Food Art Italy, a Pisa l’evento dedicato al culto del mangiar bene

Dal 10 all’11 febbraio 2018, al via Food Art Italy, la fiera enogastronomica dedicata agli ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *