Home / Tempo libero / A Melegnano la 454° edizione della Fiera del Perdono
fiera del perdono melegnano

A Melegnano la 454° edizione della Fiera del Perdono

Al via la 454^ edizione della Fiera del perdono di Melegnano dal 13 al 17 aprile 2017, un grande appuntamento che sin dal sedicesimo secolo rappresenta l’evento più importante e significativo per la Città di Melegnano organizzato dall’Amministrazione comunale, Confcommercio – Associazione territoriale di Melegnano, Pro loco Melegnano e diverse associazioni.
Con un programma sempre più ricco di eventi e manifestazioni, alcune ormai consolidate, altre, invece, offrono novità per stimolare il gradimento del pubblico. Infatti, un ampio ventaglio di proposte, cercherà di catturare l’interesse dei visitatori
Il corposo palinsesto inizia quest’anno ai primi giorni di aprile e prosegue fino alla fine di maggio, ma il suo cuore è sempre il Giovedì Santo, nucleo originario nato dalla famosa indulgenza plenaria, la Bolla del Perdono, concessa a Melegnano da Papa Pio IV (Giovanni Angelo Medici) il 20 gennaio 1563. E’ il giorno in cui la Bolla viene esposta ai cittadini nella Basilica Minore di San Giovanni Battista, momento altamente religioso che si affianca agli aspetti culturali, sociali, economici e di svago presenti in questa festa.

La storia
Dal sedicesimo secolo la storia della città si identifica con quella della sua Fiera, evento pagano scaturito dalla celebrazione annuale della sacra ricorrenza dell’indulgenza plenaria concessa il 20 gennaio del 1563 da Papa Pio IV attraverso l’emissione di un’apposita Bolla. Le radici del Perdono intrecciano la storia con la leggenda. La leggenda parla della concessione della Bolla sull’indulgenza come di un gesto di riconoscenza di Papa Pio IV Giovanni Angelo Medici nei confronti della cittadina sul Lambro, allora Marignano, divenuta nel 1532 marchesato del fratello Gian Giacomo Medici, non come il “Medeghino”. Per generazioni si è tramandato che quando Giovanni Angelo era ancora cardinale sia passato da Melegnano, ma di fronte al rifiuto sdegnoso della cognata (vedova) ad accoglierlo in Castello, sia stato costretto a rivolgersi all’ospitalità della casa parrocchiale di don Battista Pavesi, che lo trattò con i guanti, al pari del popolo melegnanese che tributò onori e solidarietà. Quando dunque divenne Papa, Giovanni Angelo si ricordò del bene ricevuto quel giorno a Melegnano e il 20 gennaio del 1563 concesse alla città l’importante privilegio.

Ma il Perdono va oltre la festa religiosa: presto diventa anche fiera popolare e genuina, con il suo corredo di bancarelle di prodotti alimentari, la contrattazione di animali e frutti della terra, l’accorrere della folla dal circondario. Da allora il binomio festa più fiera è diventato tradizione, sopravvivendo saldamente ai cambiamenti istituzionali, politici, sociali ed economici del Melegnanese. Al di là dei mutamenti gli schemi secolari della festa e della fiera sono rimasti intatti e inattaccabili, come formule cristallizzate. L’accorrere di pellegrini e commercianti in un clima di grande gioia è ricordato anche in alcuni quadri del Seicento, che ritraggono scene di festa e di accese contrattazioni davanti ai banchi di vendita dei mercanti di tutta la zona. Il mercato degli animali, bovini, cavalli e maiali, diventa presto famoso ben oltre i confini dello Stato di Milano. Nel XVIII e XIX secolo, mentre il Milanese e la Lombardia (possedimenti spagnoli) passano dapprima agli austriaci, poi ai francesi per confluire definitivamente nel Regno d’Italia, la connotazione agricola della Fiera rimane predominante, legata d’altro canto con un filo diretto alla tipologia economica del territorio, dove l’attività rurale e zootecnica sono prevalenti.

E’ il Novecento a salutare le prime novità quando, gradualmente, si cominciano a costruire altri eventi di richiamo attorno al mercato e allo scambio degli animali. Le due guerre mondiali, certo, non aiutano, ma la volontà degli operatori economici di Melegnano è più forte delle difficoltà legate agli eventi militari. Nel 1923 viene istituito il primo Comitato per la Fiera del Perdono, che punta ad ampliare a tre giorni la durata delle celebrazioni del Giovedì santo proprio allo scopo di promuovere le attività commerciali del territorio anche al di fuori dei confini cittadini. Nel 1934 in piena campagna fascista per la battaglia del grano, contestualmente alla festa viene indetta la “Prima grande rassegna agricola del Melegnanese”.

Dal 1946, concluso il secondo conflitto mondiale e in un nuovo clima politico e sociale, la Fiera cambia volto più nettamente; si smorzano i contenuti religiosi, parallelamente a un processo generale di secolarizzazione della società, e assumono sempre più rilievo quelli della ricreazione. Per la prima volta, proprio nel 1946, si introducono nel programma, accanto a mostre e a rassegne zootecniche, altre manifestazioni: mostre di pittura e fotografia, gare sportive, eventi filatelici. Un’evoluzione proseguita fino ad oggi, quando però la dimensione festaiola dell’evento non è più a discapito di quella religiosa, che è stata riscoperta nella sua autenticità, così come sono state scoperte nuove dimensioni importanti, a partire dall’attenzione al patrimonio della città e del suo ruolo sul territorio, che ha proprio nella Festa del Perdono il suo momento più importante e significativo.

Il Programma della manifestazione:

13 APRILE – FESTA DEL PERDONO

ore 9.00 – Piazza Matteotti
Inaugurazione padiglione espositivo
Spettacolo di apertura con regia di Giusy Porru
a cura della Fondazione Educatori del Terzo Millennio Giovanni Paolo II°
ore 9,15 – 11,45  – Vie Cittadine
Visita delle autorità alle esposizioni
ore 10,00 – Partenza Castello Mediceo e giro nel centro città
“Corteo Storico”  con la partecipazione dell’associazione Rivivere il Borgo- Compagnia Medievale dei Servi e del Gruppo Storico Dame Viscontee di Pandino
ore 11.45 – Basilica Minore di San Giovanni Battista
Cerimonia religiosa – Esposizione della Bolla del Perdono
ore 12.30 – Sale Polifunzionali “La Corte dei Miracoli”
Cerimonia Civile – Consegna delle benemerenze civiche Premio “Il Perdonato 2017” – 22^ Edizione
a cura della Pro Loco Melegnano in collaborazione con UBI Banca –
– Sale Castello Mediceo
Mostra  “La forza del ‘900: diverse esperienze” opere di: Vitaliano Marchini*, Giuseppe Motti*, Enrico Oldani, ,
Enrica Noceto, Yang Sil Lee *Mostre permanenti a cura del poeta Guido Oldani
evento organizzato dell’Amministrazione comunale

– Castello Mediceo – Cortile d’Onore
Esibizione di tiro con l’arco a cura dell’associazione Compagnia Arcieri Lodigiani

– Esibizione del Coro delle Mondine

– Castello Mediceo – Giardino
Intitolazione Giardino all’Italiana allo scultore melegnanese Vitaliano Marchini

– Laboratori e spettacoli a cura di Spazio Milk

– Stand dell’associazione GEM

Pomeriggio
Spettacolo acrobatico “Molecole Show” DA NON PERDERE!
a cura dell’Amministrazione comunale

Castello Mediceo – Fossato
La Fattoria e Antichi mestieri
a cura dell’Amministrazione Comunale e Confcommercio Imprese per l’Italia
Associazione Territoriale di Melegnano – Presenza del Parco Adda Sud, Parco Lombardo del Ticino e Corpo Forestale dello Stato

Palazzina Trombini
Mostra filatelico-numismatica
“105° Anniversario dell’inaugurazione della Palazzina Liberty (ex Asilo Sociale)”
a cura dell’associazione Filatelico-Numismatica Melegnanese

Esposizione di Bonsai
a cura di Suiseki Bonsai Club

Mostra “Vigili del Fuoco a Melegnano”
a cura dell’associazione Marignani Servire

Viale Predabissi – Oratorio
Mostra di rettili “Nel regno del serpente” a cura di Green Centro Natura

Piazza 4 Novembre
“Pompieropoli” con attività didattica per bambini a cura dell’Amministrazione comunale

Esposizione di macchine da giardino

Piazza della Vittoria
Stand delle associazioni melegnanesi

Via Roma – Esposizione di auto e motoveicoli

Piazza Matteotti –  Padiglione espositivo – apertura ore 10-23
a cura dell’Amministrazione Comunale e della Confcommercio Imprese per l’Italia
Associazione Territoriale di Melegnano

Piazza Garibaldi – Esposizioni artigianali
a cura dell’Amministrazione Comunale e della Confcommercio Imprese per l’Italia
Associazione Territoriale di Melegnano

Piazza Risorgimento – Esposizione di autovetture
a cura di Fiat Massironi

Sede Circolo Artistico – Via 8 Giugno, 5
Mostra “La Primavera”
a cura del Circolo Artistico Melegnano

Sede Scuola Sociale Accademia delle Arti – Via Marconi, 21
“Collettiva di pittura della Scuola Sociale”
a cura della Scuola Sociale Accademia delle Arti

Campo sportivo – Via per Landriano
XXIV^ edizione “Torneo dello scudetto”
a cura della ASD Melegnano Calcio

Vie cittadine – Bancarelle

Pomeriggio
Presenze stravaganti…….che stupiranno sicuramente adulti e bambini
a cura dell’Amministrazione comunale

Viale Lazio – Viale della Repubblica
“Luna Park”

Commenti

commenti

Vedi Anche

milano tattoo convention

Milano Tattoo Convention: 3 giorni con i migliori Tatuatori provenienti da tutto il mondo

Si terrà a Milano in Fiera Milano City da venerdì 9 a domenica 11 febbraio 2018, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *